Qualche giorno fa parlando con un’amica discutevamo di quanto bene avesse lavorato Radio Popolare durante la campagna elettorale di Milano, sia come spazio informativo che come supporto alle iniziative serie e meno serie che hanno portato alla vittoria di Giuliano Pisapia (vedi sotto l’hit Pisapia canaglia). Rapidamente il ragionamento si è spostato su quanto fosse il momento giusto per “battere cassa” verso la città (usiamo un’espressione volutamente fuori luogo) da parte di un collettivo giornalistico sempre alla canna del gas finanziariamente.

La radio di via Ollearo si può sostenere in molti modi, il preferito è l’abbonamento, atto potente e simbolico per una stazione che in realtà si ascolta liberamente da qualsiasi radio FM così come in streaming via Internet.

Alessio Bragadini
Mi occupo di progetti digitali, inoltre sono un coach Agile e ScrumMaster e un appassionato di GTD e produttività personale.