Produttività per i DevOps

Scritto da il 24 febbraio 2014 in Featured, GTD

Ho partecipato il 21 febbraio all’Incontro DevOps Italia 2014 – IDI2014. Ho portato una breve presentazione Time Management per i professionisti IT in cui ho cercato di legare i metodi di produttività individuale con il lavoro in team, uno dei miei temi di lavoro e di coaching. In particolare ho sottolineato la duplicità del metodo di lavoro dei DevOps, che per parte del loro tempo devono progettare software su periodi temporali medio-lunghi e per l’altra parte correre rapidamente alle esigenze delle operations (da cui l’illustrazione di Giano bifronte).

Qualsiasi modello organizzativo per un team e un’azienda parte sempre dall’assunto che il professionista sappia come gestire il proprio lavoro, ma a volte è più semplice da dire che da fare. Progetti, scadenze, interruzioni ed emergenze rendono difficile la gestione del tempo, e sviluppatori e sistemisti hanno spesso esigenze diverse. Abbiamo parlato di diversi approcci possibili, citando Getting Things Done, Inbox Zero, Pomodoro Technique e altro.

Leggi il resto

Avere vent’anni

Scritto da il 17 settembre 2012 in Vita

A fine dell’anno prossimo, 2013, saranno venti anni che sviluppo siti web – una passione nata in un angolo poco illuminato del laboratorio di informatica del Dipartimento di Informatica a Pisa, un laboratorio che ora non c’è più come direbbero nell’introduzione di un film.

È senz’altro troppo presto per fare bilanci, ridicolo pensare a celebrazioni, ma mentre a Brighton assistevo alla mia conferenza preferita mi sono reso conto che l’unica cosa saggia da fare per attraversare degnamente l’anniversario è farmi trovare al lavoro su qualcosa di bello, se non proprio entusiasmante, almeno che non mi faccia vergognare del tempo che ci spendo. Ovvero, come citato da Steve Jobs ma anche chi chissà quanti altri, il proprio lavoro occupa troppo tempo della propria vita per potersi accontentare.

Leggi il resto

La politica per finta

Scritto da il 27 dicembre 2011 in Cinema

Si dice che la politica è arte di doppiezza, e forse lo è anche il cinema. Di sicuro The Ides of March, uscito in Italia il 16 dicembre, realizza l’avvitamento carpiato di mettere in scena una storia che parla di tradimenti e svelamenti, e al tempo stesso fa finta di parlare di politica occupandosi in realtà di tutt’altro.

Leggi il resto